23-06-2021

GOS! Animali più sani con i carboidrati


Si può fare molto per la salute dei vitelli. Allevatori, veterinari e i nostri responsabili di zona lavorano da anni per ridurre l’incidenza di malattie come diarrea, pleuriti e polmoniti. I loro sforzi hanno avuto successo, e i risultati si notano! L’uso di antibiotici e il tasso di mortalità dei vitelli fanno registrare minimi storici. Tuttavia, ciò non significa che il nostro lavoro si sia concluso. Al contrario, siamo convinti che continuare a migliorare sia possibile. Giorno dopo giorno. Eelke van der Wal, ricercatore del VanDrie Group, e le ricercatrici Myrthe Gilbert (Wageningen University & Reserach) e Saskia Braber (Università di Utrecht) sanno tutto sull’argomento.

In qualità di ricercatore, Eelke ha preso parte a un consorzio di ricerca, cui hanno partecipato aziende e centri di competenza e formazione. Nel caso specifico, si tratta del Carbohydrate Competence Center Consortium (CCC-Consortium). Questa organizzazione ombrello è composta da oltre 50 tra aziende e centri di competenza, impegnati in diverse ricerche. Eelke: “Nel contesto del team Ricerca e sviluppo del VanDrie Group, lavoro all’ottimizzazione dei mangimi per vitelli. Siamo convinti che un’alimentazione adeguata possa davvero fare la differenza in materia di salute degli animali. Grazie alla partecipazione al Consorzio CCC possiamo svolgere una ricerca approfondita su come l’alimentazione possa contribuire alla riduzione delle polmoniti.”

Per quest’impegnativa ricerca, Eelke può contare sull’aiuto e sulle conoscenze di Myrthe Gilbert, docente all’Università olandese di Wageningen, e di Saskia Braber, ricercatrice presso l’Università olandese di Utrecht. Myrthe Gilbert spiega: “In questo progetto abbiamo analizzato gli effetti positivi dell’aggiunta di carboidrati al mangime per vitelli, al fine di migliorare la salute degli animali e ridurre quindi l’impiego di antibiotici.”

I carboidrati sono noti anche come saccaridi. Ne esistono quattro tipi. Dai più grandi ai più piccoli, parliamo di polisaccaridi, oligosaccaridi, disaccaridi e monosaccaridi. Il consorzio CCC ha preso in esame un elenco di oligosaccaridi potenzialmente interessanti, che era stato presentato dalle aziende partecipanti. Esempi di oligosaccaridi sono i galattosaccaridi (GOS), i malto-oligosaccaridi e i frutto-oligosaccaridi. Questi tipi di carboidrati si trovano per esempio nelle piante, nei cereali e nei latticini.

Saskia Braber spiega: “Abbiamo cominciato con una ricerca in laboratorio, basandoci sulla lista di oligosaccaridi. Volevamo studiare l’effetto di questi carboidrati sulle cellule dei polmoni. Per svolgere la ricerca abbiamo prelevato tessuti polmonari presso diverse aziende di lavorazione delle carni del VanDrie Group.” Saskia prosegue: “In laboratorio abbiamo cominciato isolando le cellule polmonari. Abbiamo quindi utilizzato queste cellule in un esperimento per cui avevamo simulato un’infezione. Quando abbiamo aggiunto gli oligosaccaridi, ci siamo accorti che diminuivano sia l’infezione sia l’infiammazione che ne era derivata.” In base a questi risultati è stato stilato un elenco degli oligosaccaridi più promettenti, che potrebbero avere un effetto positivo sulla salute dei polmoni nei vitelli, e che i ricercatori hanno sottoposto a ulteriore indagine. 

“Ricerche come queste possono fare davvero la differenza in materia di salute e di benessere degli animali.” - Eelke van der Wal

Non tutto quello che funziona in laboratorio si dimostra poi efficace nella pratica. “Per questo motivo, nel nostro centro di ricerca abbiamo condotto uno studio, nel corso del quale abbiamo alimentato gruppi di vitelli con quantitativi, miscele e oligosaccaridi diversi”, spiega Eelke. Durante lo studio, la crescita e la salute dei vitelli sono state monitorate a più riprese. Sono stati prelevati per esempio campioni di sangue e di cellule polmonari. È così possibile impostare i parametri infiammatori.

Al termine di una ricerca piuttosto intensa, Myrthe conclude: “Abbiamo notato che i vitelli cui erano stati somministrati oligosaccaridi davano risultati migliori, sia per quanto riguarda i parametri infiammatori sia per quelli polmonari. I GOS sono risultati i polisaccaridi più promettenti.” I galatto-oligosaccaridi (GOS) sono prodotti derivati dal lattosio. Fanno parte dei prebiotici, in quanto non sono digeribili dall’organismo. In generale, vengono definite prebiotiche tutte quelle sostanze che favoriscono la crescita di determinati tipi di batteri nell’organismo. Questi batteri hanno, a loro volta, un effetto positivo sulla salute. Myrthe prosegue: I risultati fatti registrare da questo cambiamento sui vitelli mi hanno a dir poco stupita. Prima dell’esperimento ero molto scettica sul fatto che fosse possibile ottenere risultati simili.”

Alla domanda se gli oligosaccaridi saranno aggiunti immediatamente ai mangimi per vitelli del VanDrie Group Eelke risponde: “In questo momento stiamo svolgendo ulteriori approfondimenti. Il nostro lavoro ha effetto sulla salute degli animali, non è una responsabilità da poco! Questa ricerca ci ha permesso di capire meglio le infezioni dell’apparato respiratorio. In futuro, speriamo di ridurne ulteriormente l’incidenza, se non addirittura di prevenirle completamente...”

Sul valore aggiunto di una ricerca come questa Eelke non ha dubbi: “Ricerche come queste possono fare davvero la differenza in materia di salute e di benessere degli animali. Solo così possiamo adottare misure consapevoli per prevenire le infezioni e migliorare lo stato di salute degli animali.”

 



  • This site uses cookies
  • Hide this notification